Io e il tutore…una bella storia

Lasciatemi scrivere con le tette al vento

look con foulard (2)

Ho fatto due buchi ad un foulard per infilare le braccia e trasformarlo in un poncho/mantello passepartout. L’ho inserito sotto un top semi off shoulder. Il tutto per dare movimento, volume e coda ad un look con short in paiellettes anche di giorno.

Perché la staticità è logorante. Soprattutto quando ho il piede destro immobilizzato in un tutore ortopedico! Le foto sono Aifonstyle e le ha scattate mio suocero BB che si intravede nelle lenti specchiate!

look con foulard (3) look con foulard (4) look con foulard (5)

Tutore ortopedico Aircast

Di notte dormo poco.
Di giorno sogno e vivo una vita piena di avventure.
Ho sempre fretta, corro, devo muovermi, il tempo stringe ne ho sempre meno a disposizione.
L’ansia è la mia nemica che mi fa sempre compagnia e infatti non sono mai sola.
L’ansia si mescola con l’agitazione, che quasi sempre pregiudica la concentrazione e, nella ressa dei miei 60.000 pensieri quotidiani, il controllo e l’ordine spariscono inevitabilmente.
Arriva il panico, mi disidrato, non ho più saliva e non riesco nemmeno a parlare.
Cosa manca in questo spazio di tempo che ancora non ho?
Perché devo sempre correre?
Anche se avessi più tempo sono convinta che la situazione non cambierebbe.
Il mio è uno stato mentale e da un punto di vista psicologico forse ho paura di qualcosa.
Di notte mi lascio scivolare pensieri negativi che urtano e risvegliano la mia vulnerabilità forse sarà per questo che dormo poco?

La convalescenza forzata del mio piede destro in un tutore ortopedico per oltre un mese mi ha impedito di correre sia fisicamente che mentalmente. Ho assaporato uno strano periodo di calma anche interiore che, per certi versi ha avuto anche dei momenti che posso definire belli ma in contrasto con il mio spirito eccitato.

Ultime istantanea della mia vita immobilizzata.

Questa voce è stata pubblicata in Myself, Outfit, photography e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

5 risposte a Io e il tutore…una bella storia

  1. Lourdes scrive:

    Pensi troppo di notte per questo dormi poco. Invece dovresti rilassarti un po di più e vedrai che le tue paure spariranno.

  2. Maria scrive:

    Il tutor era la scusa buona per farti rilassare un po, ma tu non ce la fai devi sempre correre sia fisicamente che mentalmente, la calma non fa per te, tu ti rilassi solo se corri. La tua paura e quella di non poter più fare la vita frenetica che fai e anche 30 ore al giorno a te non basterebbero lo stesso, troveresti sempre il modo di fare qualcosa.

  3. Karolina Žalaitė scrive:

    You look stunning! xo

    http://karolinakz.blogspot.lt/,
    Karolina

  4. adoro questi look cosi particolari.. meravigliosa

  5. Eleonora scrive:

    Mi piace tutto. Il foulard Poncho è un’idea strepitosa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.