Certe Certezze

(Bulgakov)

Ad Agosto uscivo di casa alle sei di mattina.
Ogni giorno.
Lavoro…
Per recuperare qualche minuto di sonno, avevo modificato i miei riti. Niente biscotti. Solo latte freddo.
Un paio di sorsi, al volo.
I vestiti, scelti la sera prima, non tenevano conto dell’umore con cui mi sarei svegliato.
In testa un bianconiglio petulante:
– MARIANNA, MARIANNISSIMA è tardi!!!
L’unico rito irrinunciabile: il saluto a mia nonna.
Un bacio, un abbraccio e poi di nuovo in fuga.
Non era più cosciente da giorni ormai.
Una mattina il mio abbraccio durò qualche secondo in più.
Lei si svegliò, mi sorrise e disse le sue ultime parole:
– che cazzo vuoi?
Sorridendo. Come solo noi sappiamo fare.
Noi che siamo scemi da generazioni.
Quest’anno a Natale mio zio ha comprato a tutti i regali in un sexy shop.
Mentre ridevamo, perché lo zio Dino, novantenne era felicissimo per la sua tetta in silicone anti stress, pensavo a come certe cose restano.
anche quando qualcosa di importante è cambiato.
Il mio regalo? Un perizoma.
Mutatis mutandis…

da briciole

colonna sonora: Stefano Rosso (Una storia disonesta)

Questa voce è stata pubblicata in Briciole e contrassegnata con , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

1 risposta a Certe Certezze

  1. Giuglina scrive:

    Adoro!!
    Per nulla al mondo vorrei essere nata in una famiglia normale!
    Baci
    Giuglina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.