Scomode Attese

Bulgakov

Divido la panchina con la copia sbiadita di una Mannoia poco attenta alla linea. Fa abbastanza freddo alla fermata del bus.
Mi si avvicina una specie di testimone di Geova, vestito da sicario della ndrangheta di New Orleans. La sua vistosa spilla bianca recita “vuoi dimagrire? Chiedimi come!”. Lo liquido con un “jo no hablo tuo idioma!”. È una frase che funziona coi disturbatori metropolitani. La uso spesso. In alternativa, a volte recito i salmi o inizio a piangere o mi lancio in un omaggio alla Bertè, gridando che nun c’ho amici e m’hanno ucciso Mimì. La Mannoia ride, si lancia in una di quelle frasi attaccabottone, che funziona sempre. Sono molto socievoli i miei concittadini. Anche alle sette del mattino. Fortunatamente ho un gran brutto carattere…

colonna sonora Pier Cortese

da briciole

Questa voce è stata pubblicata in Briciole e contrassegnata con , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

1 risposta a Scomode Attese

  1. May scrive:

    Very nice article, totally what I was looking for.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.