E mangiatene tutti

(Bulgakov)

foto

Un gesto cafone.
Un’abitudine da trattoria.
Impugni la forchetta come una spada e provi a trafiggere il cucchiaio.
La vedo sparire dentro il tuo enorme pugno, che stringe il metallo in una stretta onanistica.
I denti della posata roteano sulla liscia perfezione curva dell’acciaio, raccogliendo un groviglio enorme di spaghetti e ragù.
Capelli di grano grondanti di sugo finiscono per nascondere quello che resta della forchetta.
Sollevi il feticcio di pasta alla bolognese, come fosse un premio. Continuo ad osservare il trofeo mentre sparisce nella tua bocca spalancata.
Mi decido, finalmente e ordino anch’io:
– Il conto!

Colonna sonora: Io non piango (Franco Califano)

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

3 risposte a E mangiatene tutti

  1. Elena scrive:

    Questa descrizione rende proprio l’idea! 🙂

    Elena

    http://scorzadilimoneblog.wordpress.com

  2. makeupnonsolo scrive:

    Sembra la scena di Fuochi d’artificio con Leonardo Pieraccioni

  3. TheHTMLCoders scrive:

    just wanted to write thank you 🙂 loved your article.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.