L’amicizia ai tempi dei social

Fashion your social, Fashion your life

parakeets (12)

Le chat rovinano i rapporti e l’irony alert pure, soprattutto per chi come me le odia!

Non sono fatta per i rapporti on line.
Io sono una persona fisica, passionale, terrena e sanguigna. Ho bisogno di sentire e toccare le cose che amo. Fondamentale per me è il contatto con la natura delle cose e delle persone. Fondamentale per me è guardare negli occhi e osservare continuamente le persone, perché amare vuol dire sentirle mie. È così che mi sento viva e felice perché vivo nelle cose e nelle persone che amo.

Io amo all’antica. Il mio amore è fatto di cose sincere e pure, non ci sono le chat, né le distanze, né i selfie, ma si sta vicini e stretti che si respira nei respiri dell’altro. Amo questo modo di amare  perché è il solo che conosco, quello autentico e vero.

Partendo da questo mio concetto basilare, ecco vedete io l’amore e l’amicizia ai tempi di Facebook  non riesco a concepirli. Non saprei gestire i rapporti a distanza, non saprei amare, né fare amicizia (faccio fatica a fare amicizia nella realtà figuriamoci on line).

E hai ragione tu. Si finisce con il percepire solo attacchi e polemiche e per persone felici come me e te queste cose non vanno bene.

I social sono importanti. Oggi non potremmo più farne a meno. Finché restano relegati in uno spazio di scambio di opinioni, interessi economici commerciali, di notizie, di foto, allora i social diventano  interessanti. In poco tempo attraverso i social raggiungiamo tutto il mondo e, sforzandoci di non fare polemica, possiamo intravedere il lato positivo e utile delle cose, quello informativo: della tisana dimagrante, dell’ultimo gloss brillante, delle ultime sneakers gold sabbiate, dell’ultima vacanza fuori da tutti i percorsi commerciali, della foto che commuove il web etc etc.

Quando invece i rapporti si stringono, allora entrano in gioco anche i sentimenti. Il tentatore per eccellenza è lo status generico, che ci invita a commentare. Può essere una battuta, un semplice pensiero, una condivisione. Uno status non resta mai inattivo, anzi viene letto e ci invita a commentare quasi come fosse un frutto proibito da mordere. Nel momento in cui decidiamo di commentare inizia la sfida. Perché i pensieri scritti non parlano, non senti la voce, il tono … le Emoticons le odio e allora? Si finisce con l’essere fraintesi. E in rete accade spesso, perché  non si percepisce il senso e l’armonia delle parole dette.

Perché in rete c’è freddo.

E se non ci pensi prima di scrivere, si può innescare un disastro, una valanga di notifiche, botte e risposte, ma io volevo dire, ma io non so, e poi, pensieri che non ti faranno dormire e che ti spingeranno a chiederti,  ma perché l’ho fatto?

Arriva il litigio e insieme scie  di fraintendimenti e diramazioni di  commenti che non finiscono più.

Ma i social servono ad esprimere sentimenti o a nasconderli?

Non l’ho ancora capito! Ecco per tale ragione ho imparato a modellare la mia convivenza nei social. Ho imparato a gestire la rete selezionando le amicizie. Evito di partecipare ai commenti dei post se non strettamente necessario. Inoltre rimuovo, oppure non seguo, le persone negative, che fanno polemica e quelle che si lamentano sempre. Seleziono le notizie che voglio leggere e disattivo quelle che mi farebbero stare male. Io voglio stare sui social ma senza la corazza. Non voglio andare in guerra e considero la rete un momento di relax e condivisione delle cose belle della vita.

parakeets (3) parakeets (5)

parakeets (2) parakeets (4) parakeets (6) parakeets (14)

Post Scriptum. In questi scatti, realizzati in Marzo 2016, vi presento altri due capi della capsule Parakeets realizzata da me e Cinzia Paolini per Sathia. La coda a portafoglio indossata da me sopra un denim per movimentare il look. In realtà sembrerebbe una gonna ma è un soprabito/sopragonna/pant, che allacciato in vita riproduce una specie di strascico da portare sopra un pantalone, un denim oppure uno short o ancora una minigonna. Cinzia invece indossa un kimono, leggerissimo,  in tessuto stampa Missoni. Anche questo capo sancisce la nostra follia per le sovrapposizioni.  Tutti i capi della Parakeets sono versatili, overseason, da abbinare e riabbinare con i vostri look. Si possono acquistare su ordinazione. Potete contattare me direttamente nei commenti o in un messaggio privato. Oppure Sathia a questo indirizzo mail info@sathia.com oppure il Bounty Concept Store a Migliarino.

Photocredit Fausto Furgeri

Bracciali Chiara Fini

Borse Twobet

Scarpe Della Paolini

#Parakeets Capsule Collection per Sathia

 

 

Questa voce è stata pubblicata in Myself, Outfit, photography e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

8 risposte a L’amicizia ai tempi dei social

  1. Sai ti do ragione, le amicizie sui social non sono sempre facili e aiutano, come dici tu, a perdere il contatto fisico con le persone.
    Tornando alle tue creazioni…..sono sempre molto belle e originali. Kiss
    Ora sul mio blog http://www.littlefairyfashion.com “Pitti Bimbo 83…..is coming!”

  2. Maria scrive:

    Non sono facili le amicizie in carne e ossa figuriamoci quelle dei social. Soprattutto se sono amicizie nuove, quelle non vanno avanti finiscono subito, perchè non sono vere.

  3. Lourdes scrive:

    L’amicizia vera? Non so se esiste ancora, almeno per me. Fai di tutto per far vedere che ci tieni, gli stai vicino nel momento del bisogno, poi vedi, o credi, che è solo un amicizia a senso unico, allora ci sta male e si pensa che non era amicizia ma solo una conoscenza. Belle le capsule Parakeets di Sathia.

  4. Franci scrive:

    Le amicizie vere sono difficili da vivo, figurati se sono possibili sui social! Bellissime come sempre, look molto originali!
    Un bacione! F.

    La Civetta Stilosa

  5. iolanda scrive:

    Io invece ho imparato che la corazza serve di piuù sui social che nella vita reale, perchè come dici tu, nella vita reale ci si incontra, ci si guarda negli occhi e certe cose le capisci prima.
    Io sono sempre stata una persona molte socievole, che faceva amicizia facilmente nella vita ai tempi dei “non-social networks”, ma troppe fregature hanno portato a chiudermi. Così sono rimasta sempre una persona socievole, ma mi fido sempre meno delle persone, per capirle ho bisogno di vederle, ma soprattutto di viverle!
    Un abbraccio
    iolanda

  6. Claudia scrive:

    Spargiamo in rete tanta positività, buon gusto e onestà!!

  7. Dragana scrive:

    nei tempi che corrono è difficile trovare i amici veri figurati sui social.. però io grazie al internet ho conosciuto il mio compagno 12 anni fa.. 🙂 bisogna trascorre il tempo con le persone conoscendole e non scriverci tramite un schermo.. 🙂

  8. chiara scrive:

    Dopo anni anche io ho incontrato la mia migliore amica!
    L’amicizia vera esiste!
    Splendide!
    Un abbraccio
    Chiara
    http://www.chiaraangiolino.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.