Mettersi a nudo

Mai accontentarsi soprattutto nel bel mezzo di una crisi.

Non mi sono mai rassegnata agli infortuni. Sono ancora qui che quasi tutto i giorni mi alleno, alternando il running al fit walking. Quando mi alleno mi rigenero e non mi serve niente altro per essere felice e riprendere fiato.  Prego sempre di avere due gambe forti per correre, perché se riesco a correre posso andare a cercarmi la felicità ovunque essa sia. Posso superare tutti gli ostacoli che incontro, soprattutto la cattiveria e la malvagità, gli ostacoli più pericolosi.

Mi sono infortunata due volte per due anni consecutivi. Una frattura scomposta al metatarso del piede destro nel 2016 e una lacerazione al polpaccio destro fino al tendine nel 2017. Diversi mesi di inattività. No post. No tag. No mention.

Ho vissuto in maniera insolita una convalescenza animata dalla voglia di ripresa e di novità. Ce l’ho fatta, sono tornata a correre già da diversi mesi. Ora sto meglio. Spesso mi chiedo perché io mi sia infortunata, accidentalmente, mentre svolgevo azioni tranquille di vita quotidiana. Evidentemente il mio corpo voleva darmi qualche segnale. Avvisarmi che qualcosa mi stava disturbando. Il corpo parla sempre, sia che stiamo facendo qualcosa di sbagliato sia quando stiamo bene. Ascoltatelo!

Look di oggi? Una combo che ho indossato a Milano per una appuntamento di lavoro. Il pant in seta dal mood Athleisure (Ofelia), la jacket animal print con cinturone strizzato in vita (Ofelia), il dolcevita nero, il cappotto cammello, le sneakers. Io. Un progetto per il futuro. La Voglia matto di realizzarlo con tutto me stessa. Eleonora Falasco la mia pr, autrice di questi scatti.

ph Eleonora Falasco

Questa voce è stata pubblicata in Myself, Outfit, photography e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Mettersi a nudo

  1. Questo look mi piace tantissimo per la sua originalità.
    Nuovo post “Look per la cresima| Come ti trasformo un look kids” ora su http://www.littlefairyfashion.com

  2. Maria scrive:

    Forse era un periodo in cui eri debole, ma nessuno ti batte e se cadi ti rialzi sempre e più forte di prima, soprattutto con le cure adatte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.